Dal Simulazionismo Al Paradigma Galileiano

Abstract
Il lavoro esamina criticamente i presupposti di cinque differenti approcci alla Scienza Cognitiva, (simbolico, connessionista, dinamico, della cognizione incarnata e della vita artificiale) e sostiene che tutti e cinque condividono tacitamente un’ipotesi metodologica molto generale. Tale ipotesi, che propongo di chiamare simulazionismo , postula che i fenomeni cognitivi di un qualunque sistema reale possono essere adeguatamente spiegati sulla base di opportuni modelli di simulazione del sistema stesso. Tuttavia, a causa della loro costituzione, i modelli di simulazione hanno forti limitazioni, sia al livello descrittivo che esplicativo. Il limite descrittivo sta nel fatto che la corrispondenza fra i risultati di una simulazione e i dati relativi al fenomeno reale non è diretta e intrinseca ma, al più, indiretta e estrinseca. Il limite esplicativo consiste nel fatto che le spiegazioni supportate dal modello non sono mai compiute e realistiche ma, piuttosto, solo in linea di principio e romanzesche. Queste difficoltà potrebbero essere superate ricorrendo ai modelli Galileiani , costituiti da sistemi dinamici in cui ciascuna componente ha un’interpretazione precisa e definita, in quanto essa corrisponde ad una proprietà misurabile (grandezza) del fenomeno reale che il modello descrive
Keywords No keywords specified (fix it)
Categories No categories specified
(categorize this paper)
Options
 Save to my reading list
Follow the author(s)
My bibliography
Export citation
Find it on Scholar
Edit this record
Mark as duplicate
Revision history Request removal from index Translate to english
 
Download options
PhilPapers Archive


Upload a copy of this paper     Check publisher's policy on self-archival     Papers currently archived: 11,412
External links
Setup an account with your affiliations in order to access resources via your University's proxy server
Configure custom proxy (use this if your affiliation does not provide a proxy)
Through your library
References found in this work BETA

No references found.

Citations of this work BETA

No citations found.

Similar books and articles
Achille C. Varzi (2008). Il catalogo universale. In Roberto Finzi & Paolo Zellini (eds.), Forme della ragione. CLUEB. 91–113.
Achille C. Varzi (2004). Sulla relatività logica. In Massimiliano Carrara & Pierdaniele Giaretta (eds.), Filosofia e logica. Rubbettino Editore. 135–173.
Achille C. Varzi (2007). Confini. Dove finisce una cosa e inizia un’altra. In Andrea Bottani & Richard Davies (eds.), Ontologie regionali. Mimesis. 209–222.
Leonardo Caffo (2012). L'architettura Morale Della Città. BLOOM - Trimestrale di Architettura 15 2012 (15):5-8.
Achille C. Varzi (2008). Vaghezza e ontologia. In Maurizio Ferraris (ed.), Storia dell’ontologia. Bompiani. 672–698.
Carlo Penco (2007). Competenza pragmatica come filtro. Rivista di Estetica 47 (34):213-231.
Achille C. Varzi (2007). Il denaro è un'opera d'arte (o quasi). Quaderni Dell’Associazione Per Lo Sviluppo Degli Studi di Banca E Borsa 24:17–39.
Analytics

Monthly downloads

Added to index

2012-03-14

Total downloads

2 ( #355,341 of 1,103,039 )

Recent downloads (6 months)

1 ( #297,567 of 1,103,039 )

How can I increase my downloads?

My notes
Sign in to use this feature


Discussion
Start a new thread
Order:
There  are no threads in this forum
Nothing in this forum yet.