Search results for 'L. E. Braddock' (try it on Scholar)

1000+ found
Order:
  1. G. E. G. E. (1956). Kant e l'illuminismo. [REVIEW] Giornale Critico Della Filosofia Italiana 10:447.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  2. G. E. G. E. (1961). L'averroismo di Neal W. Gilbert e di William F. Edwards. Giornale Critico Della Filosofia Italiana 15:539.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  3. G. E. G. E. (1953). L'eclettismo francese e la cultura filosofica meridionale nella prima metà del secolo XIX. [REVIEW] Giornale Critico Della Filosofia Italiana 7:539.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  4. A. F. L. (1892). Le problème de l'immortalité, de E. Petavel-Olliff. Revue de Théologie Et de Philosophie 25 (5):496.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  5.  13
    Mark Van Atten & Göran Sundholm (forthcoming). L.E.J. Brouwer's ‘Unreliability of the Logical Principles’: A New Translation, with an Introduction. History and Philosophy of Logic:1-24.
    We present a new English translation of L.E.J. Brouwer's paper?De onbetrouwbaarheid der logische principes? of 1908, together with a philosophical and historical introduction. In this paper Brouwer for the first time objected to the idea that the Principle of the Excluded Middle is valid. We discuss the circumstances under which the manuscript was submitted and accepted, Brouwer's ideas on the principle of the excluded middle, its consistency and partial validity, and his argument against the possibility of absolutely undecidable propositions. We (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  6.  3
    Ralf Schindler & John Steel (2009). The Self-Iterability of L[E]. Journal of Symbolic Logic 74 (3):751-779.
    Let L[E] be an iterable tame extender model. We analyze to which extent L[E] knows fragments of its own iteration strategy. Specifically, we prove that inside L[E], for every cardinal K which is not a limit of Woodin cardinals there is some cutpoint t K > a>ω1 are cardinals, then ◊$_{K.\lambda }^* $ holds true, and if in addition λ is regular, then ◊$_{K.\lambda }^* $ holds true.
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   3 citations  
  7.  7
    Alain Lernould (2005). Plutarque, Sur l' E de Delphes 390 B 6-8 et l'explication de la vision en Timée 45 b-d. Methodos 5.
    Le traité (ou dialogue) « pythique » du platonicien Plutarque de Chéronée (Iier – IIe s. ap. J.-C.) intitulé Sur l’E de Delphes est consacré à l’élucidation de la signification de l’E (la cinquième lettre de l’alphabet grec) consacré à Apollon Pythien. Une des interprétations (d’inspiration pythagoricienne) est que cet E désigne le nombre cinq, le nombre de l’univers. Dans le cadre de l’exposé de cette interprétation est fait état de l’opinion « de certains » selon laquelle il existe une (...)
    Translate
      Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  8.  10
    L. E. J. Brouwer (1947). Address Delivered on September 16th, 1946, at the University of Amsterdam by Professor L. E. J. Brouwer on the Conferment Upon Professor G. Mannoury of the Honorary Degree of Doctor of Science. [REVIEW] Synthese 6 (3/4):190 - 194.
    No categories
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  9.  7
    R. Tieszen (2007). Dirk Van Dalen. Mystic, Geometer, and Intuitionist: The Life of L. E. J. Brouwer. Volume 2: Hope and Disillusion. Oxford: Clarendon Press, 2005. Pp. X + 441–946. ISBN 0-19-851620-7 (Hardcover). [REVIEW] Philosophia Mathematica 15 (1):111-116.
    Volume 1 of this biography of L. E. J. Brouwer was published in 1999.1 The volume under review here covers the period from the early nineteen twenties until Brouwer's death in 1966. It also includes a short epilogue that discusses the disposition of Brouwer's estate after his death, his influence on others, the paths of some of his students and colleagues, and other matters. Van Dalen notes in the Preface that in preparing this volume he consulted some historical studies that (...)
    Direct download (7 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  10.  1
    L. E. J. Brouwer (1979). L.E.J. Brouwer, Collected Works. Journal of Symbolic Logic 44 (2):271-275.
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  11. L. E. J. Brouwer, A. S. Troelstra & D. van Dalen (eds.) (1982). The L.E.J. Brouwer Centenary Symposium: Proceedings of the Conference Held in Noordwijkerhout, 8-13 June 1981. Sole Distributors for the U.S.A. And Canada, Elsevier Science Pub. Co..
    No categories
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  12.  12
    G. E. L. Owen, Malcolm Schofield & Martha Craven Nussbaum (eds.) (1982). Language and Logos: Studies in Ancient Greek Pgilosophy Presented to G.E.L. Owen. Cambridge University Press.
    The essays in this volume were written to celebrate the sixtieth birthday of G. E. L. Owen, who by his essays and seminars on ancient Greek philosophy has made a contribution to its study that is second to none. The authors, from both sides of the Atlantic, include not only scholars whose main research interests lie in Greek philosophy, but others best known for their work in general philosophy. All are pupils or younger colleagues of Professor Owen who are indebted (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  13. John Williams (1996). Fiction as False Document the Reception of E.L. Doctorow in the Postmodern Age.
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  14.  3
    Mariaflavia Cascelli (2016). Dilemma della prima persona e fenomenologia dell’azione: quanto è minimale l’autocoscienza? Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 7 (1):61-74.
    Riassunto : Negli ultimi anni sempre maggiore attenzione viene data alla possibilità che una forma minima, pre-riflessiva di auto-coscienza preceda l’auto-coscienza introspettiva. Diversi sono stati i tentativi fatti per sostenere che questa forma “sottile” di auto-coscienza sia un prerequisito necessario della coscienza. Dopo una breve considerazione dei problemi semantici ed epistemologici relativi all’uso del pronome di prima persona, questo articolo si concentrerà sulla letteratura che analizza le eccezioni al principio di immunità dall’errore per misidentificazione dalla prospettiva della fenomenologia dell’agentività. Il (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  15. Roberto Lambertini (1991). Il filosofo, il principe, e la virtù, note sulla recezione e l'uso dell'Etica Nicomachea nel De regimine principum di Egidio Romano. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 2 (1):239-279.
    Nella prima parte l'A. individua la presenza dell'Etica Nicomachea nel De regimine principum di Egidio. Nella seconda parte esamina le possibili mediazioni nella ricezione egidiana dell'Etica. Nella terza parte offre alcuni esempi dell'influenza dottrinale dell'Aquinate nella classificazione delle virtù, nella loro connessione e nel rapporto tra magnanimità e umiltà. Nell'ultima sezione esamina il modo in cui Egidio, pur avendo presenti le proposte dell'Aquinate, segua una linea di pensiero originale, in particolare nel modo in cui inserisce nel suo specchio della virtù (...)
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  16. Ac Yazbek (2005). A ressonância ética da negação em Sartre (considerações sobre liberdade, angústia e valores em L'être et le néant). Cadernos de Ética E Filosofia Política 7 (2):141-164.
    Resumo: A partir da caracterização sumária das figuras da liberdade, da angústia e da responsabilidade, expostas em L'être et le néant de Jean-Paul Sartre, o artigo pretende lançar luzes sobre a afirmação da falta de fundamento dos valores adotados em nossa moralidade cotidiana - o que implica em explicitar uma certa ressonância ética da negação na filosofia sartreana, bem como a conseqüente tentação do humano à falsificação existencial, que se manifesta em sua tentativa de elidir a angústia proveniente da liberdade (...)
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  17.  1
    A. M. Dale & L. E. Rossi (1965). Metrica E Critica Stilistica: Il Termine 'Ciclico' E l' Agwgh Ritmica. Journal of Hellenic Studies 85:188.
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  18.  21
    Julie Perreault (2013). L'éthique foucaldienne de la volonté. Dialogue entre Foucault et Kant. Symposium: Canadian Journal of Continental Philosophy/Revue canadienne de philosophie continentale 17 (2):94-114.
    Cet article revoit la notion de la volonté chez Foucault en la resituant entre ses réflexions sur la modernité et ses travaux plus tardifs sur l’éthique et la subjectivité dans le monde gréco-romain. Le problème de la critique sert de prétexte pour reconsidérer l’étroitesse des rapports entre les philosophies kantienne et foucaldienne. L’article présente d’abord le concept de la volonté dans la morale ancienne et chez Kant, pour y confronter ensuite le problème de la critique, tel que Foucault en rend (...)
    Translate
      Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  19.  11
    P. E. Easterling (1979). Fraenkel's Seminars on Sophocles L. E. Rossiet al.. (edd.): Due seminari romani di Eduard Fraenkel. (Sussidi Eruditi, 28.) Pp. xxxiv + 82. Rome: Edizioni di Storia e Letteratura, 1977. Paper, fl. 14. [REVIEW] The Classical Review 29 (01):10-11.
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  20.  3
    George L. Kline (1952). Review: V. P. Tugarinov, L. E. Majstrov, Versus Idealism in Mathematical Logic. [REVIEW] Journal of Symbolic Logic 17 (2):128-129.
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  21. G. Bouligand (1967). L. E. G. Brouwer. Revue Philosophique de la France Et de l'Etranger 157:430.
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  22. Richard L. Gregory (1972). Comments on L. E. Krueger's "Disconfirming Evidence" of R. L. Gregory's Theory of Illusions. Psychological Review 79 (6):540-541.
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  23. E. Van Вiémа (1908). Van Biéma, Emil, Docteur Ès Lettres, Professeur de Philosophie au Lусéе de Tours. Martin Knutzen, la Critique de L’Harmonie Ргéétablie. Kant-Studien 13 (1-3).
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  24. George L. Kline (1952). Tugarinov V. P. And Majstrov L. É.. Protiv Idéalizma, V Matématiˇéskoj Logiké . Voprosy Filsofii, No. 3 , Pp. 331–339.Ánovskaá S. A.. Pis'mo V Rédakciú . Voprosy Filsofii, No. 3 , Pp. 339–342. [REVIEW] Journal of Symbolic Logic 17 (2):128-129.
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  25.  4
    Simona Castelluzzo (2016). Martin Heidegger, l’esserci come con-essere E ‘la cura’. Synesis 8 (1):194-208.
    Heidegger affronta il problema delle dinamiche relazionali, quando tratta il tema della struttura ontologico-esistenziale dell’essere-con. L’esserci, che è l’essere che ci-è, è allo stesso tempo cooriginalmente un essere-con. Il Dasein è quell’ente che strutturalmente è ‘con’ gli altri. Ed è in questa dinamica relazionale che si dischiude il tema della ‘Cura’. La cura diventa per Heidegger l’esistenziale degli esistenziali, la struttura ontologica fondamentale, che indica l’originaria apertura dell’esserci.
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  26.  84
    Leonardo Caffo, Credere il giusto e l'ingiusto. Incoerenza e rettifica del proprio sistema di credenze.
    Sfruttando alcune considerazioni, presenti in Richard (1997), riguardo questioni pragmatiche e psicologiche connesse alla semantica russelliana per i verbi psicologici si propone un modello teorico in cui, attraverso l’introduzione di alcuni enunciati strategici, ad es. “Lois non realizza che Superman è Clark Kent”, alcuni problemi connessi al diverso comportamento di Lois con gli individui Superman e Clark Kent, sembrerebbero risolti fornendoci corrette predizioni riguardo il comportamento di un agente razionale. Scopo di questo lavoro è estendere il modello ad alcuni casi (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  27.  2
    Franz Baader, Nguyen Thanh Binh, Stefan Borgwardt & Barbara Morawska (2016). Deciding Unifiability and Computing Local Unifiers in the Description Logic $Mathcal{E!L}$ Without Top Constructor. Notre Dame Journal of Formal Logic 57 (4):443-476.
    Unification in description logics has been proposed as a novel inference service that can, for example, be used to detect redundancies in ontologies. The inexpressive description logic $\mathcal{E\!L}$ is of particular interest in this context since, on the one hand, several large biomedical ontologies are defined using $\mathcal{E\!L}$. On the other hand, unification in $\mathcal{E\!L}$ has been shown to be NP-complete and, thus, of considerably lower complexity than unification in other description logics of similarly restricted expressive power. However, $\mathcal{E\!L}$ allows (...)
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  28.  15
    Paolo Beretta (2013). L'assoluto contraccolpo in se stesso. La questione dell'origine tra Hegel e Derrida. Nóema 4 (2).
    Questo lavoro si pone sulla via della questione dell’origine attraverso un confronto tra Hegel e Derrida. In particolare, abbiamo individuato nella Scienza della logica il punto centrale a partire dal quale le istanze teoretiche dei due filosofi esibiscono la loro vicinanza e la loro distanza; sollecitando a questo modo la trama del testo metafisico che con Hegel si compie, ci siamo posti con Derrida ai suoi margini frequentandone l'apertura ed il rilancio come consegna a un pensiero in agguato sulla soglia (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  29.  57
    Carlo Penco (1999). Ragione E Pratica Sociale: L'inferenzialismo di Robert Brandom. Rivista di Filosofia (3):467-486.
    Insieme a John McDowell, Robert Brandom è uno dei filosofi emergenti della reazione al naturalismo filosofico; seguace Wilfrid Sellars, è l'autore americano che più si avvicina al dialogo con la filosofia continentale e propone una rivalutazione di Kant e Hegel nella filosofia analitica. Già allievo di Richard Rorty, Brandom è diventuo famoso con la pubblicazione di Making it Explicit. Questo ponderoso volume di 900 pagine non ha avuto però ancora una sufficiente attenzione nel dibattito filosofico italiano (a parte alcuni inteventi (...)
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  30.  4
    Massimo Carboni (2015). La filosofia e l'arte di vivere. Nóema 6.
    L’articolo è l’estratto di un più ampio lavoro ancora in corso. Come Michel Foucault e Pierre Hadot, ognuno dalla propria postazione storico-teorica, ci hanno ricordato, la filosofia antica, ed in particolare quella ellenistica con i cinici e gli stoici, non era solo un discorso ma una concreta pratica di vita, un comportamento esistenziale proposto come modello per tutti coloro che intendevano raggiungere l’arete. Il testimone di questa “arte della vita” −è la tesi di fondo di questo contributo− non è stato (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  31.  10
    A. Lanni Yunis, R. K. Balot, E. A. Meyer, S. L. Forsdyke, C. Mossé, R. Osborne, L. A. Tritle, T. B. Strong & N. Karagiannis (2013). Johann P. Arnason, Kurt A. Raaflaub, and Peter Wagner (Eds.). The Greek Polis and the Invention of Democracy: A Politico-Cultural Transformation and Its In-Terpretations. The Ancient World: Comparative Histories. Malden, Mass.: Black-Well, 2013. Pp. X, 400. $139.95. ISBN 978-1-4443-5106-4. With Contributions From the Editors and E. Flaig, L. Bertelli, J. Grethlein, H. [REVIEW] Classical World: A Quarterly Journal on Antiquity 107 (1):139-145.
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  32.  17
    L. P. E. Parker (1965). A Metrical Problem Luigi Enrico Rossi: Metrica E Critica Stilistica. Il Termine 'Ciclico' E l'Γωγ Ritmica. Pp. Xi + 111. Rome: Edizioni dell'Ateneo, 1963. Cloth, L. 1,500. [REVIEW] The Classical Review 15 (03):317-319.
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  33.  11
    Alessandro Pandolfi (2013). Tra due Imperi. L'Histoire des deux Indes e il colonialismo moderno. Scienza and Politica. Per Una Storia Delle Dottrine 24 (47).
    L’articolo si propone di ricostruire criticamente il processo di crisi e trasformazione del concetto di impero a ridosso delle rivoluzioni settecentesche. A partire dalla Histoire des deux Indes di Raynal, e dalla critica illuminista ai differenti modelli imperiali, Pandolfi delinea il passaggio dal colonialismo classico – costruito attorno al rapporto tra coloni, selvaggi e schiavi – a una fase contraddistinta invece dallo sfruttamento indiretto della forza lavoro. La trattazione porta alla luce l’ambivalenza illuminista nei confronti della questione dell’impero, dimostrando come (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  34.  5
    Felice Cimatti (2015). Perché l’essere umano non può essere come un lombrico? Wilfred Bion e il transindividuale. Nóema 6.
    Domanda. Se il paziente sa quello che sta facendo, e lei sa perché lo sta facendo, perché interpretare quello che sta facendo anziché chiedergli perché lo fa? Bion. Questo è un altro mistero. Perché non trasferirlo direttamente da lui stesso a lui stesso? Perché è necessaria una persona esterna? Perché l’essere umano non può essere come un lombrico? Perché avere un partner? Perché non avere una vita sessuale con sé stessi senza altre seccature? Perché non si può avere una relazione (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  35.  14
    L. P. E. Parker (1979). Un Tedesco Italianizzato Paul Maas and Alfredo Ghiselli: Metrica Greca. Traduzione E Aggiornamenti. Pp. Ix + 178. Florence: Le Monnier, 1976. Paper, L. 3500. [REVIEW] The Classical Review 29 (02):260-262.
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  36.  3
    Vicenzo Pace (2015). L’islam tra il turbante e l’elmetto. Horizonte 13 (38):669-673.
    Editoriale: L’islam tra il turbante e l’elmetto Dossier: Islam: Religione e Cultura v. 13, n. 38, apr./giung. 2015.
    Translate
      Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  37.  6
    Orazio Irrera (2013). Parrēsia Ed Exemplum. La Parrēsia E I Regimi Aleturgici Dell'exemplum a Partire da L'ermeneutica Del Soggetto di Michel Foucault. Nóema 4 (4-1):11-31.
    Questo articolo cerca di esplorare il rapporto tra parrēsia ed exemplum negli ultimi Corsi al Collège de France di Michel Foucault. A partire da L’ermeneutica del soggetto , viene analizzato il campo semantico e pratico relativo alla direzione di coscienza stoica ed epicurea, in cui Foucault oppone la parrēsia all’adulazione e alla retorica per collocarla invece all’interno di un’importante serie di concetti: la paradosis (la trasmissione dei discorsi di verità), il kairos (il momento giusto, la circostanza opportuna) e l’exemplum definito (...)
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  38.  3
    Gianfranco Longo (2014). L’indeterminabile presente. Studio Dei concetti di natura E di perpetuo nella creazione. Synesis 6 (1):26-109.
    È nel χρόνος, o epoche storiche, che il tempo si differenzia dalla contingenza che permette di individuare l’atto immediato e presente in una determinata circostanza, e d’altronde entrambi, cioè χρόνος e καιρός, sono descrivibili quali molteplici e plurali all’interno della possibilità eterna della tradizione e della trasformazione, nonché rinascita, di un concetto in semantiche sempre ulteriormente differenziabili. Il processo seguito per il raggiungimento e la specificazione del concetto tempo, quale caratterizzante il concetto stesso di universale, è stato quello dell’induzione, che (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  39.  3
    Massimo Parodi & Giulia Serio (2008). Martinetti, Agostino e l'Abbé Coignard. Doctor Virtualis 4:137-160.
    L'apertura alla dimensione religiosa nel "Kant" di Martinetti e il percorso teorico di Dal Pra fra trascendenza e immanenza. Un ipotetico punto di incontro sul terreno della prassi e della scelta etica.
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  40.  3
    Marco Piazza (2005). Maine de Biran e l'illuminismo scozzese. Rivista di Storia Della Filosofia 1.
    In questo saggio l'Autore studia l'influenza che i pensatori scozzesi, da Hume a Smith, da Dugald Stewart a Reid, hanno esercitato sulla riflessione di Maine de Biran , figura chiave nella transizione dal sensismo condillachiano e dal fisiologismo idéologique verso l'eclettismo e lo spiritualismo francesi del Secondo Ottocento. Tale influenza, ben più corposa di quanto non sia finora parso agli studiosi del filosofo di Bergerac, agisce su Biran in specie sulle prime fasi del suo pensiero attraverso la mediazione, qui ampiamente (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  41.  5
    Gianna Gigliotti (2005). Natorp tra Platone e Kant: Sensibilità e conoscenza: l'interpretazione del Teeteto. Rivista di Storia Della Filosofia 3.
    L’interpretazione che Natorp ha dato della filosofia di Platone è prevalentemente considerata una paradossale forzatura entro la cornice del pensiero kantiano. Senza sfumare l’importanza del quadro di riferimento cui Natorp si attiene, e della versione continuistica della storia della ragione che lo caratterizza, il saggio intende tuttavia suggerire che alla fisionomia di questo quadro abbia contribuito, invece, proprio la diretta lettura dei testi platonici da parte di un Natorp che orgogliosamente si definisce un «filologo della scuola di Bonn». In particolare, (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  42.  3
    Valeria Gualdi (2014). Ideologia come funzione. Lukács e l'Ontologia dell'essere sociale. Scienza and Politica. Per Una Storia Delle Dottrine 26 (51).
    A partire dagli anni '60, György Lukács intraprende una ricerca volta a recuperare e sviluppare l'ontologia sociale racchiusa negli scritti di Marx nel tentativo di rinnovare la riflessione marxista dopo l'effetto inibitorio provocato dallo Stalinismo. Lo scopo di questo articolo è di indagare la concezione lukácsiana dell'ideologia come funzione sociale, mettendola in relazione con il regime di complessità descritto da Lukács nella sua ultima opera, Ontologia dell'essere sociale. Recuperando il riferimento goethiano implicito nell'idea di lavoro come “fenomeno originario” dell'azione sociale, (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  43.  3
    Susanna Fresko (2008). Borges, Dante E l'Ambiguo Tempo Dell'arte. Doctor Virtualis 2:33-44.
    È frequente in Borges il riferimento a Dante come a uno degli scrittori fondamentali per la creazione della propria poetica. I suoi Saggi danteschi e, in particolare, Il falso problema di Ugolino, consentono di rintracciare alcuni degli aspetti più pregnanti del legame che Borges stabilisce tra sé e lo scrittore toscano e di fare luce su alcuni dei principi chiave che guidano la poetica borgesiana. In particolare, l’episodio di Ugolino e, più precisamente, il verso , in cui Dante trasmette l’eterna (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  44.  4
    Saverio Di Liso (2005). Alcune trattazioni tardo-medievali sull'univocità e l'analogia dell'ente. Rivista di Storia Della Filosofia 2.
    La ricognizione delle teorie medievali dell’analogia e dell’univocità consente di rilevare l’ineludibile valenza logico-linguistica che le caratterizza fin dagli esordi. Le teorie dell’analogia riguardano innanzitutto una teorizzazione dei rapporti di denominazione, specialmente del termine ‘ens’ e degli altri nomi divini. Solo quando la discussione filosofica, a partire dal XIV secolo, si arricchisce della distinzione tra concetto formale e concetto oggettivo, esse subiscono una revisione e una sistematizzazione nel senso di una prospettiva più marcatamente teologico-ontologica. Il confronto serrato delle tesi tomiste (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  45.  6
    Micol Long (2012). L'autografia d'autore Cambiamenti nella realizzazione e nella concezione del libro dal XII secolo all'invenzione della stampa. Doctor Virtualis 11 (11):97-119.
    Si ritiene a volte che l'invenzione della stampa abbia innescato il cambiamento nel modo di concepire l'oggetto libro, segnando il passaggio dall'idea medievale a quella moderna. Occorre però tenere presente che esiste un'importante evoluzione interna al medioevo e che l'invenzione della stampa, per quanto fondamentale, è da inserire all'interno di questo processo più ampio, che a partire dal XII secolo circa trasforma l'uso e la funzione stessa della scrittura, rivoluziona il modo di leggere e di conseguenza il libro stesso, sia (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  46.  2
    Marialuisa Lussu (2000). Hobbes, Locke e l'intolleranza verso l'ateo. Rivista di Storia Della Filosofia 4.
    Lo studio nasce da due constatazioni tra loro contrastanti: la prima è che Hobbes e Locke sono considerati tra i maggiori teorici della società e dello stato laici; la seconda è che nei loro scritti è presente una decisa riserva sull’affidabilità sociale dell’ateo. Solo nel caso in cui la prima constatazione potesse essere incrinata, le posizioni di Hobbes e di Locke in tema di affidabilità sociale degli atei, ovviamente, sarebbero inscrivibili all’interno della loro filosofia politica. Ma dato che la prima (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  47.  1
    Paulo Vieira Neto (2015). Mais que um, menos que muitos: a individuação e o programa filosófico de Simondon no “L'Individuation à la Lumière des Notions de Forme et d'Information ”. Doispontos 12 (1).
    resumo: Há uma solidariedade entre o estilo do L'Individuation à la Lumière des Notions de Forme et d'Information e os princípios teóricos que a obra toma como ponto de partida para sua investigação dos diversos processos de individuação. Essa solidariedade torna o estilo da obra um programa filosófico que responde a demandas precisas quanto ao papel das ciências da natureza, das ciências humanas e da técnica, sua classificação, sua história e sua consistência teórica, demandas que pretendemos especificar no artigo. Ao (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  48.  3
    Ole Jensen (2009). Hvorfor kradser klimakrisen ikke mere, end den gør? – K. E. Løgstrups opgør med nominalismen og kantianismen. Slagmark - Tidsskrift for Idéhistorie 56 (56).
    Hvorfor kradser klimakrisen ikke mere, end den gør? – K. E. Løgstrups opgør med nominalismen og kantianismen.
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  49.  3
    Giovanni Bonacina (2005). Hegel, il barone d'Eckstein e l'ala erudita della Congrégation. Rivista di Storia Della Filosofia 3.
    Scrittore tedesco con residenza ufficiale in Francia durante la Restaurazione , rappresentante degli interessi feudali e clericali , il controverso barone d’Eckstein si trova menzionato in Hegel come colui che attraverso la rivista Le Catholique avrebbe indirizzato il sostegno governativo verso «l’ala erudita della Congrégation», alla ricerca di prove dell’originalità del cattolicesimo nelle più antiche tradizioni asiatiche . La polemica del Catholique contro Benjamin Constant e il razionalismo filosofico, il ruolo di Eckstein nello scandalo della Congrégation , la sua partecipazione (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  50.  3
    Jean-françois Goubet (2004). Il giovane Fichte e l'idea di filosofia pratica universale. Rivista di Storia Della Filosofia 2.
    È mettendo in primo piano l’idea di filosofia pratica universale, già presente nella filosofia dell’Aufklärung, che Fichte è riuscito a dare un nuovo volto alla speculazione trascendentale postkantiana. Il saggio tenta innanzitutto di ricostruire la filosofia pratica abbozzata negli anni 1793-1794. Viene proposto un breve confronto con Wolf. In seguito, lo studio rivolge la sua attenzione ad uno dei contributi della filosofia pratica universale fichtiana: aver trattato il sentimento come nozione pratica fondamentale, presente nella conoscenza e nell’azione. Infine, si tratta (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
1 — 50 / 1000