Search results for 'Myung-Il Choi' (try it on Scholar)

1000+ found
Order:
  1.  12
    Daewook Kim & Myung-Il Choi (2013). A Comparison of Young Publics' Evaluations of Corporate Social Responsibility Practices of Multinational Corporations in the United States and South Korea. Journal of Business Ethics 113 (1):105-118.
    The purpose of this study was to examine how young publics in the United States and South Korea perceive the corporate social responsibility (CSR) practices of multinational corporations and evaluate the effectiveness of CSR practices in terms of organization–public relationship (OPR). Results showed that young publics in the United States and South Korea differently characterized CSR practices of multinational corporations and evaluated relationships with them. Young American participants evaluated the CSR practices of multinational corporations more favorably than did the young (...)
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   1 citation  
  2. Seon-Kyeong Jang, Hye-Im Choi, Soohyun Park, Eunju Jaekal, Ga-Young Lee, Young Il Cho & Kee-Hong Choi (2016). A Two-Factor Model Better Explains Heterogeneity in Negative Symptoms: Evidence From the Positive and Negative Syndrome Scale. Frontiers in Psychology 7.
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  3. Kee Il Choi (2000). Looking With Fresh Eyes Across Time and Space: Europe From a Confucian Perspective. Diogenes 48 (190):22-32.
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  4.  7
    Myung Choi & Ik Suk Kim (2006). The Monster Out. Semiotics:271-278.
    No categories
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  5. Yong-Jae Kim, In-Chul Choi, Jung-A. Lee, Moo-Young Seok & Jae-il Jang (2015). Strain-Dependent Transition of Time-Dependent Deformation Mechanism in Single-Crystal ZnO Evaluated by Spherical Nanoindentation. Philosophical Magazine 95 (16-18):1896-1906.
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  6. Sandro Pertini E. Il (forthcoming). Gianluca scroccu Sandro pertini E il psi: Dal superamento Del «fronte popolare» al centro-sinistra (1955-1963). Annali Della Facoltà di Lettere E Filosofia.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  7. Imtiyaz Yusuf, Ismaʼ Al-Faruqi & R. il (eds.) (2012). Islam and Knowledge: Al Faruqi's Concept of Religion in Islamic Thought: Essays in Honor of Isma'il Al Faruqi. I.B. Tauris.
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  8. Jaime Nubiola (2004). Il Lume Naturale: Abduction and God. Semiotiche 1 (2):91-102.
    The aim of my paper is to highlight that for Peirce the reality of God makes sense of the whole scientific enterprise. The belief in God is a natural product of abduction, of the "rational instinct" or educated guess of the scientist or the layman, and also the abduction of God may be understood as a "proof" of pragmatism. Moreover, I want to suggest that for Peirce scientific activity is a genuine religious enterprise, perhaps even the religious activity par excellence, (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  9.  42
    Vesa Oittinen (2005). Evald Il'enkov as an Interpreter of Spinoza. Studies in East European Thought 57 (3-4):319 - 338.
    E.V. Il’enkov is regarded as perhaps the most “Spinozist” of Soviet philosophers. He used Spinoza’s ideas extensively, especially in developing his concept of the ideal and in his attempts to give a more precise philosophical formulation to the “activity approach” of the cultural- historical school of Soviet psychology. A more detailed analysis reveals, however, that Il’enkov’s reception of Spinoza was highly selective, and that there are substantial differences between them.
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   1 citation  
  10.  58
    Lev Naumenko (2005). Evald Il'enkov and World Philosophy. Studies in East European Thought 57 (3-4):233-248.
    To ascertain the context of Il’enkov’s philosophy, the author delves into the history of philosophy since the Sophists and Plato. For Il’enkov, philosophy is not an abstract science “about everything, ” but a study of ideas – forms which are identical for thinking and being. These objective and universal forms of thought are explained as products and schemes of human activity creating the world of culture and reified in its “smart” things.
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  11.  43
    Jaeho Lee (2011). Genuine Counterexamples to the Simple Conditional Analysis of Disposition: A Reply to Choi. Philosophia 39 (2):327-334.
    Choi (Philosophia, 38(3), 2010) argues that my counterexamples in Lee (Philosophia, 38(3), 2010) to the simple conditional analysis of disposition ascription are bogus counterexamples. In this paper, I argue that Choi’s arguments are not satisfactory and that my examples are genuine counterexamples.
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  12.  14
    Kris Sealey (2013). The 'Face' of the Il y A: Levinas and Blanchot on Impersonal Existence. [REVIEW] Continental Philosophy Review 46 (3):431-448.
    This essay argues for a reading of Levinas’ work which prioritizes the significance of the il y a over the personal Other. I buttress this reading by using the well-documented intersections between Levinas’ work and that of Maurice Blanchot. Said otherwise, I argue that Levinas’ relationship with Blanchot (a relationship that is very much across the notion of the il y a) calls scholars of the Levinasian corpus to place the conception of impersonal existence to the forefront. To do so (...)
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  13.  17
    Elena Mareyeva (2005). Was Il'enkov an Aesthetician? Studies in East European Thought 57 (3-4):277 - 287.
    E. V. Il’enkov proceeded from the classical philosophical notion of Beauty considered in organic unity with Truth and Good. Following Marx, he regarded the sense of Beauty, the supreme mental feeling, as a product of history. Il’enkov insisted on the universal character of this feeling, for its basis is an activity of imagination which also lies at the root of any creative work. His criticism of modern art rested on analysis of the process of disintegration of personality, its capabilities within (...)
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  14.  1
    John B. Mumm & Martin Oft (2013). Pegylated IL‐10 Induces Cancer Immunity. Bioessays 35 (7):623-631.
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  15. Marco Fenici (2013). Il test della falsa credenza. Analytical and Philosophical Explanation 8:1-56.
    La ricerca empirica nelle scienze cognitive può essere di supporto all’indagine filosofica sullo statuto ontologico e epistemologico dei concetti mentali, ed in particolare del concetto di credenza. Da oltre trent’anni gli psicologi utilizzano il test della falsa credenza per valutare la capacità dei bambini di attribuire stati mentali a se stessi e a agli altri. Tuttavia non è stato ancora pienamente compreso né quali requisiti cognitivi siano necessari per passare il test né quale sia il loro sviluppo. In questo articolo (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  16. Pietro Gori & Paolo Stellino (2016). Il Buon Europeo di Nietzsche Oltre Nichilismo E Morale Cristiana. Giornale Critico Della Filosofia Italiana:98-124.
    ITA: Quello del “buon europeo” è in Nietzsche un tema significativo, che si presenta originariamente connesso alle riflessioni di Nietzsche sulla cultura europea, arricchendosi col tempo di una portata filosofica che si lega agli obiettivi del suo pensiero maturo. Scopo del presente articolo è di mostrare la genesi e l’evoluzione di tale concetto, a partire dalle sue prime occorrenze in Umano, troppo umano I fino al suo compiuto sviluppo negli scritti del 1885-87. Tale studio permetterà di evidenziare il particolare valore (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  17. Il Carteggio Carducci-Chiarini & Viaggio Tra le Memorie di Un (forthcoming). Maria Caterina demuru il carteggio carducci-chiarini: Viaggio tra le memorie di un'amicizia E di Una passione letteraria. Annali Della Facoltà di Lettere E Filosofia.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  18.  25
    Guido del Giudice (2015). Giordano Bruno e il vincolo di Cupido. la Biblioteca di Via Senato (3):27-31.
    Il filosofo e la passione per il “gentil sesso”.
    Translate
      Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  19.  20
    Umberto Eco & Patrizia Violi, Il Nome Della Cosa.
    Esperimento mentale: siete Immanuel Kant, vi trovate in Australia, e ve ne state andando a passeggio. A un tratto scorgete una strana bestiola in riva al lago. Ha gli occhi di una talpa, ma sarà grande dieci volte tanto. Ha il becco di un’anatra, ma non ha le ali; e non ha piume bensì una fitta pelliccia che la fa assomigliare semmai a una lontra. La coda poi sembra quella di un castoro; e le zampe hanno dita palmate, ma con (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   5 citations  
  20. Krishna Del Toso (2012). tebhyaś caitanyaṃ: il “sé” secondo il Materialismo indiano. In Alessandra Cislaghi & Krishna Del Toso (eds.), Intrecci filosofici. Pensare il sé a Oriente e a Occidente. Ed. Mimesis
    Ciò che qui chiamo Materialismo indiano non deve intendersi come scuola filosofica unica ed univocamente impostata, bensì come insieme di correnti di pensiero, propugnanti differenti punti di vista, ma tutte collocate entro l’orizzonte concettuale che nega ciò che in Occidente si usa chiamare Trascendente. Inoltre, com’è ovvio, bisogna distinguere tra un Materialismo filosofico – che prenderò in considerazione qui – ed un Materialismo, per così dire, popolare – al quale mi riferirò solo se necessario. Due sono le impostazioni materialiste che (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  21.  24
    Max Deutscher (2014). “Il n’y a pas de hors-texte”—Once More. Symposium: Canadian Journal of Continental Philosophy/Revue canadienne de philosophie continentale 18 (2):98-124.
    Spivak translates Derrida’s “il n’y a pas de hors-texte” as “there is nothing outside the text.” By considering how the aphorism works within his study of Rousseau on sexual and textual supplements, and by reviewing related expressions in French, a mistranslation is revealed. This is not a simple error, however. The distortion is generated by Derrida’s own broader context. We must not only distinguish signification from reference but also place the aphorism within Derrida’s allusion, in the first part of Of (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  22.  41
    David Bakhurst (2005). Il'enkov on Education. Studies in East European Thought 57 (3-4):261 - 275.
    The philosophy of education is among the least celebrated sub-disciplines of Anglo-American philosophy. Its neglect is hard to reconcile, however, with the fact that human beings owe their distinctive psychological powers to cumulative cultural evolution, the process in which each generation inherits the collective cognitive achievements of previous generations through cultural, rather than biological, transmission. This paper examines the work of Eval’d Il’enkov, who, unlike his Anglo-American counterparts, maintains that education, broadly understood, is central to issues in epistemology and philosophy (...)
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   4 citations  
  23.  35
    Rosangela Barcaro (2007). Il dogma che non c'è [An imaginary dogma]. Liberal 7 (40):104-113.
    I criteri neurologici per accertare il decesso, da impiegare in alternativa a quelli cardiorespiratori se il paziente ha subìto lesioni cerebrali e si trova collegato alle apparecchiature per la ventilazione artificiale, sono entrati nell’uso comune della pratica medica occidentale da circa quarant’anni ed il consenso di cui essi godono nella comunità scientifica sembra, a prima vista, essere ancora oggi molto solido. Si diceva a prima vista, perché se si esamina con attenzione la letteratura dal 1992 ad oggi, si possono scoprire (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  24.  48
    David Owen (forthcoming). Machiavelli’s Il Principe and the Politics of Glory. European Journal of Political Theory:1474885114567346.
    This article offers a reading of Machiavelli’s il Principe and its relationship to his Discorsi which defends, first, the coherence of Machiavelli’s appeal to the figure of the one-man ordinatore and, second, a republican interpretation of il Principe. Its particular focus is on the pivotal role played in Machiavelli’s text-act by ‘love of worldly glory’. It is argued, first, that it is through love of glory that Machiavelli can coherently aim to produce an effective one-man ordinatore and, second, that the (...)
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  25.  46
    Giuliano Torrengo (2014). Il caso Tridim. In Elena Casetta & Valeria Giardino (eds.), Mettere a fuoco il mondo. © ISONOMIA – Epistemologica, University of Urbino 86-94.
  26.  5
    Silvia Maria Colonna (2016). La fine dell’epoca moderna E il ritorno al realismo. “Verita’” E “realta’” Nel dibattito filosofico contemporaneo. Synesis 8 (1):173-193.
    Dopo l'affermazione nietzschiana per cui “non ci sono fatti ma solo interpretazioni” la filosofia giunge alla fase del postmoderno, difesa da Gianni Vattimo, in cui dialettica ed ermeneutica rendono “debole” il concetto di verità. Il suo allievo Maurizio Ferraris critica la visone del suo maestro col tentativo di instaurare un nuovo realismo, volendo riportare in auge un concetto di verità, che escluda da esso tutte le verità di tipo epistemologico e religiose. L’analisi e lo studio dell’attacco al postmoderno di Ferraris (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  27.  5
    Serena Suppa (2016). Il peso dell’amore: L’influenza di Agostino d’ippona nelle opere di Hannah Arendt. Synesis 8 (1):146-172.
    Agostino d’Ippona è stato un punto di riferimento costante nella produzione filosofica arendtiana, a partire dalla dissertazione di dottorato del 1928, intitolata Il concetto d’amore in Agostino, fino alle ultime pagine scritte prima di morire, e dedicate alla trattazione della volontà. Il segno più evidente di questo rapporto è costituito da una frase del De civitate Dei, « initium ut esset creatus est homo, ante quem nullus fuit» sulla quale Hannah Arendt fonda il proprio concetto di libertà, intesa come la (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  28.  45
    Fausto Iannello (2011). Il processo di cristianizzazione dell'aldilà celtico e delle divinità marine irlandesi nella "Navigatio sancti Brendani". 'Ilu. Revista de Ciencias de Las Religiones 16:127-151.
    Questo contributo considera e analizza specifici elementi pagani celtici nella Navigatio sancti Brendani, soprattutto attraverso la comparazione con il genere epico tradizionale degli immrama e delle echtrai. Il proposito è quello di dimostrare la continuità di alcuni tradizionali concetti religiosi irlandesi sull’escatologia e la visione dell’aldilà in questi testi, particolarmente nell’ambito delle funzioni religiose espresse nelle figure di Brendano, di Barinto e degli dèi irlandesi del mare Manannán e Mongán. Attraverso le osservazioni svolte, si può stabilire che questa continuità funzionale (...)
    Translate
      Direct download (6 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  29. Pietro Gori (2009). Il Meccanicismo Metafisico: Scienza, Filosofia E Storia in Nietzsche E Mach. Il Mulino.
    Tra i numerosi autori attivi nel campo delle scienze naturali che Friedrich Nietzsche ebbe modo di conoscere nel corso della propria vita, Ernst Mach rappresenta certamente un caso significativo. La sua presenza all'interno degli scritti del filosofo è pressoché nulla, ma la comunanza dei temi trattati e la particolare affinità delle prospettive adottate in materia di teoria della conoscenza invitano ad avvicinare questi due autori e a ipotizzare un qualche tipo di influsso diretto tra loro. Ciononostante, fino ad oggi non (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   1 citation  
  30.  84
    Leonardo Caffo, Credere il giusto e l'ingiusto. Incoerenza e rettifica del proprio sistema di credenze.
    Sfruttando alcune considerazioni, presenti in Richard (1997), riguardo questioni pragmatiche e psicologiche connesse alla semantica russelliana per i verbi psicologici si propone un modello teorico in cui, attraverso l’introduzione di alcuni enunciati strategici, ad es. “Lois non realizza che Superman è Clark Kent”, alcuni problemi connessi al diverso comportamento di Lois con gli individui Superman e Clark Kent, sembrerebbero risolti fornendoci corrette predizioni riguardo il comportamento di un agente razionale. Scopo di questo lavoro è estendere il modello ad alcuni casi (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  31.  51
    Furio Ferraresi (2013). Il tutto e le parti. Categorie e soggetti della conflittualità politica nell'antichità. Scienza and Politica. Per Una Storia Delle Dottrine 24 (47).
    Il saggio esamina il modo in cui nell’Antichità classica è stato pensato il conflitto politico a partire dalla riflessione su “fazioni” e “partiti”. L’analisi prende le mosse da Omero ed Esiodo, per i quali la Giustizia è lo strumento con cui dal caos originario si passa al cosmo ordinato. Si concentra quindi sulla nascita della polis come fattore di mediazione del conflitto fra le “parti” sociali, affrontando il pensiero di Tucidide, Platone e Aristotele, che condividono la stessa critica nei confronti (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  32.  40
    Marco Sgarbi (2011). Aristotele e il problema della soggettività. Trans/Form/Ação 34 (3):105-115.
    Philosophers usually attribute to modernity the invention of concepts like 'subject', 'object' and 'subjectivity' and they understand them in contrast to Scholastic and Aristotelian philosophies. The present paper suggests the presence of a proto-theory of subjectivity in Aristotle. The Aristotelian theory of subjectivity is grounded principally on four doctrines. First, we can recognize the presence of a 'perspective' and of a 'point of view' in the Aristotelian epistemology. The second relevant aspect is the concept of determination of the object of (...)
    Translate
      Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  33.  78
    Leonardo Caffo (2010). Prevedere Il Comportamento. Atteggiamenti Proposizionali E Pragmatica. SandF. Scienza E Filosofia (4):98 - 109.
    L'articolo ha come obiettivo quello di dimostrare come il paradigma russelliano risulti più proficuo non soltanto per rendere coerente una teoria semantica per gli atteggiamenti proposizionali ma anche per predire il comportamento di un agente razionale cosa, del tutto innovativa, viste le continue ciritiche nella letteratura contemporanea. Sul finire dell'articolo viene abbozzata una proposta inedita volta alla costruzione di un modello - inquadrato nelle scienze cognitive - coerente per prevedere il comportamento di un agente razionale sulla base di una teoria (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  34.  4
    Ornella Tajani (forthcoming). Fabio SCOTTO, Il senso del suono. Traduzione poetica e ritmo. Rhuthmos.
    Ce texte a déjà paru dans Tradurre. Pratiche, teorie, strumenti, n° 10, Primavera 2016. F. Scotto, Il senso del suono. Traduzione poetica e ritmo, Roma, Donzelli, 2013, 224 p. Ce mot « rythme » ne m'est pas clair. Je ne l'emploie jamais. Paul Valéry Nel suo vastissimo trattato Critique du rythme. Anthropologie historique du langage, Henri Meschonnic si sofferma sulla scorretta etimologia che fonda il mito del ritmo, ossia quella che ricollega il ῥυθμός al movimento del mare : seguendo - (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  35.  67
    Paul Noordhof (2002). Sungho Choi and the ‘Actual Events’ Clause. Analysis 62 (273):46–47.
    In order to keep matters brief, I shall assume knowledge of my Mind paper and Sungho Choi’s paper printed before this brief response (Noordhof 1999; Choi 2002). Sungho Choi claims that the example I gave to motivate my formulation of the ‘actual events’ clause fails to motivate it and that the formulation, in fact, contains a redundant element, namely my appeal to supersets. I think he is right that my example doesn’t work. However, I think he is (...)
    No categories
    Direct download (9 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  36. Gabriele Galluzzo (2001). Il problema dell'oggetto della definizione nel commento di Tommaso d'Aquino a Metafisica Z 10–11. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 12:417-465.
    Lo studio presenta il commento tommasiano centrato sul problema dell'oggetto della definizione. L'A. tiene presenti due principali prospettive: da una parte il confronto fra l'interpretazione di Tommaso e i principali modelli interpretativi dei commentatori moderni; dall'altra rivolge particolare attenzione alle motivazioni dell'interpretazione dell'Aquinate, allo scopo di inquadrare lo stile esegetico tommasiano nel contesto della sua dottrina. È dato ampio spazio al problema aristotelico della distinzione fra oggetto della fisica e oggetto delle scienze matematiche, al rapporto fra il tutto e le (...)
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  37. Paul Ricoeur (2004). Il perdono può guarire? [Could the forgiveness cure?]. la Società Degli Individui 19:5-10.
    Un uso critico della memoria porta a rimettere in questione il pregiudizio che soltanto il futuro sia aperto e il passato invece determinato e chiuso. Il senso di ciò che è accaduto non è fissato una volta per tutte. Il perdono si situa nel punto di convergenza tra lavoro della memoria e lavoro del lutto. Esso è il contrario di un oblio di fuga. Si può perdonare solo ciò che non è stato dimenticato, quello che deve essere spezzato è il (...)
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  38.  14
    Merold Westphal (2007). The Welcome Wound: Emerging From the Il Y a Otherwise. [REVIEW] Continental Philosophy Review 40 (3):211-230.
    This essay is an analysis of the inverted intentionality that is arguably the central notion in the phenomenology of Emmanuel Levinas. The primal horizon for all human meaning is the brute fact of undifferentiated being, the il y a experienced impersonally as insomnia and weight. The first exit from this world devoid of meaning, subjectivity, and objectivity is that of the psychism or conatus essendi, the self which places itself at the center and makes everything else a means to its (...)
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   1 citation  
  39.  26
    Miguel Sánchez-Mazas (1987). Invarianti Numeriei Internazionali Per Il Confronto Automatico -Sincronieo E/o Diacronieo- Delle Legislazioni: Un Modello Matematico Per Il Diritto Comparato. Theoria 3 (1):379-431.
    Descrizione degli obbiettivi, le tecniche ed i primi risultati di una ricerca attualmente in corso all’Università del Paese Basco per applicare il metodo degli invarianti numerici delle classi di equivalenza -già applicato (si veda “Il programma Ars Judicandi”) sul piano di una legislazione nazionale- alla costruzione di un modello matematico per automatizzare le operazioni di analisi logica parallela, confronto e decisione su diverse legislazioni nazionaIi, simultaneamente iscritte nel quadro di una “rete deontica internazionale” che descrive per ciascuna di esse i (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  40.  3
    Marco Solinas (forthcoming). Sull’idea di socialismo di Axel Honneth, in "Il Ponte. Rivista di politica economia e cultura fondata da Piero Calamandrei", forthcoming: LXXII, n. 6 (2016) (pdf: preview). Andquot;Il Ponte. Rivista di Politica Economia E Cultura Fondata da Piero Calamandrei", Forthcoming: LXXII, N. 6 (2016).
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  41.  72
    Carlo Penco (2005). Anatra All'arancia: Il Tema Del Contesto Nella Filosofia Analitica. Teoria (1):3-21.
    Questa conferenza offre una presentazione semplificata del concetto di contesto nella filosofia analitica,in particolare nella filosofia del linguaggio. E' semplificata perché tralascia una serie di discussioni rilevanti per fermarsi alle grandi linee che segnano l'emergenza del concetto di contesto in filosofia del linguaggio. Inoltre mi concentro su un aspetto particolare del dibattito: la linea di confine tra pragmatia e semantica e il ruolo che il concetto di contesto ha in questo dibattito, cercando di evidenziare i punti di disaccordo tra le (...)
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  42.  2
    Cristina Zaltieri (2016). Il dispositivo formativo e il disagio del filosofo. Nóema 7.
    L'autore analizza il rapporto tra filosofia e formazione dalla Grecia classica fino a Spinoza e Nietzsche.
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  43.  33
    Federica Riviello (2012). I lectores medioevali tra il libro e il testo. Doctor Virtualis 11 (11):197-216.
    L’intento del lavoro è di problematizzare alcuni aspetti, generalmente ritenuti emblematici, della relazione tra i litterati medievali e il libro – nelle sue declinazioni di Testo sacro, Libro della natura e auctoritates . L’impiego, come strumenti di lavoro, di concetti di recente elaborazione e di osservazioni di pensatori contemporanei sull’argomento, non è finalizzato ad attualizzare tale relazione, quanto piuttosto ad ampliare i punti di vista su di essa e a metterne alla prova la capacità di offrire originali spunti di riflessione. (...)
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  44.  16
    Paul Robinson (2003). On Resistance to Evil by Force: Ivan Il'in and the Necessity of War. Journal of Military Ethics 2 (2):145-159.
    In 1925, Russian philosopher Ivan Il'in published a book entitled On Resistance to Evil by Force . The book generated a bitter polemic among @migré Russian thinkers, which constitutes probably the most thorough debate on the justification of the use of force ever conducted among Russian scholars. This paper analyses Il'in's work and places it into the context of Russian history and philosophy. Il'in argued that war was sometimes necessary, but never 'just'. On occasions, the only way of fulfilling one's (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   1 citation  
  45.  13
    Max Deutscher (2014). “Il N’y a Pas de Hors-Texte”—Once More. Symposium: Canadian Journal of Continental Philosophy/Revue canadienne de philosophie continentale 18 (2):98-124.
    Spivak translates Derrida’s “il n’y a pas de hors-texte” as “there is nothing outside the text.” By considering how the aphorism works within his study of Rousseau on sexual and textual supplements, and by reviewing related expressions in French, a mistranslation is revealed. This is not a simple error, however. The distortion is generated by Derrida’s own broader context. We must not only distinguish signification from reference but also place the aphorism within Derrida's allusion, in the first part of Of (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  46.  30
    Paola Persano (2013). Immaginari a confronto. Quando il femminismo incontra l'ideologia. Scienza and Politica. Per Una Storia Delle Dottrine 24 (47).
    Al centro del saggio una riflessione sull’incontro tra femminismo e ideologia, condotta intorno agli scritti di Michèle Barrett, Judith Butler e Gayatri Chakravorty Spivak, allo scopo di approfondire il nesso tra critica femminista, ideologia e processi di soggettivazione sociale. Se è vero che «l’ideologia non si riferisce, come spesso si crede, soltanto alle idee politiche, ma include tutte le nostre “strutture mentali”, le nostre credenze, i concetti e i modi di esprimere i nostri rapporti con il mondo» (Loomba), allora alla (...)
    Translate
      Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  47.  14
    Alexander Joy (2014). Collision: Toward an Aesthetic of Hijacking: Cathy Choi’s B1206. Evental Aesthetics 3 (2):11-21.
    This Collision uses an encounter with Cathy Choi’s B1206 , coupled with theories of aesthetic empathy, to articulate how hijacking as an aesthetic concept might work. The aesthetic faculty of empathy conceives of the aesthetic experience as “feeling into” a given work. This concept furnishes a useful framework for thinking about aesthetic hijacking, as “feeling into” something implies the displacement of the work or its viewer. Hijacking, then, could foreground that displacement by emphasizing spatial uncertainty. Furthermore, hijacking could be (...)
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  48.  4
    David Beronio (2016). Il Gioco. Nóema 7.
    Chi si occupa di teatro incontra il gioco innanzitutto come una categoria estetica insita nei processi che caratterizzano l’atto teatrale. Ma dall’approfondimento di tali meccanismi emerge anche la potenzialità conoscitiva del gioco, come condizione umana di profonda consapevolezza di sé. Attraverso un percorso che passa attraverso Breton, Platone, Huizinga, e Alessandro Fersen, viene qui proposta una lettura del gioco come carattere fondamentale dell’arte e della conoscenza.
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  49.  18
    Yehuda Halper (2013). Il Commento Medio di Averroè Alla Metafisica di Aristotele Nella Tradizione Ebraica: Edizione Delle Versioni Ebraiche Medievali di Zeraḥyah Ḥen E di Qalonymos Ben Qalonymos Con Introduzione Storica E Filologica (Averroes' Middle Commentary on Aristotle's Metaphysics in the Hebrew Tradition: Edition of the Medieval Hebrew Versions by Zeraḥyah Ḥen and Qalonymos Ben Qalonymos, Together with a Historical and Philological Introduction). Philosophy East and West 63 (1):96-99.
    Mauro Zonta's long awaited work Il Commento medio di Averroè alla Metafisica di Aristotele nella tradizione ebraica is really three books in one: a historical and philological account of the two medieval Hebrew translations of Averroes' Middle Commentary on Aristotle's Metaphysics and editions of both translations. The Arabic of Averroes' Middle Commentary on Aristotle's Metaphysics is not extant apart from a few fragments (see vol. 1, pp. 13-5). Nor is there a direct Latin translation of the Arabic—indeed, Zonta states that (...)
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  50.  17
    Vincent Descombes (forthcoming). Y a-T-Il Un Esprit Objectif? Les Etudes Philosophiques.
    On peut comprendre l'idée hégélienne d'un esprit objectif comme celle d'une conception sociologique du langage et de l'esprit. Elle consiste à fonder le fait de la vie mentale sur la participation à des pratiques communes gouvernées par des règles sociales et par des institutions. Taylor, lorsqu'il montre comment la communication suppose des significations communes, propose une philosophie de l'esprit objectif. Une telle philosophie semble incompatible avec une autre idée défendue par Taylor: la définition herméneutique de l'homme comme l'animal qui s'interprète (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
1 — 50 / 1000