Search results for 'Tali Ditman' (try it on Scholar)

47 found
Order:
  1.  7
    Tali Ditman, Tad T. Brunyé, Caroline R. Mahoney & Holly A. Taylor (2010). Simulating an Enactment Effect: Pronouns Guide Action Simulation During Narrative Comprehension. Cognition 115 (1):172-178.
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   2 citations  
  2.  13
    Tad T. Brunyé, Eliza K. Walters, Tali Ditman, Stephanie A. Gagnon, Caroline R. Mahoney & Holly A. Taylor (2012). The Fabric of Thought: Priming Tactile Properties During Reading Influences Direct Tactile Perception. Cognitive Science 36 (8):1449-1467.
    The present studies examined whether implied tactile properties during language comprehension influence subsequent direct tactile perception, and the specificity of any such effects. Participants read sentences that implicitly conveyed information regarding tactile properties (e.g., Grace tried on a pair of thick corduroy pants while shopping) that were either related or unrelated to fabrics and varied in implied texture (smooth, medium, rough). After reading each sentence, participants then performed an unrelated rating task during which they felt and rated the texture of (...)
    Direct download (8 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  3.  4
    Aardse Waarden, Albertus Magnus, Alexander van Hales & Apologetische Zekerheid (1959). Alfonsus a ligorio spiritualiteit van~ 1949, 103-104~ en het princiep., Non tali incommode" 1953, 397 Alonso cmf. Augustinus: Revista Trimestral Publicada Por Los Padres Agustinos Recoletos 1947:42-45.
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  4.  5
    K. J. Dover (1965). Non Tali Avxilio … Paul Händel: Formen und Darstellungsweisen in der aristophanischen Konödie. Pp. 350. Heidelberg: Winter, 1963. Paper, DM. 36. [REVIEW] The Classical Review 15 (02):163-165.
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  5.  3
    Tali Sharot & Andrew P. Yonelinas (2008). Differential Time-Dependent Effects of Emotion on Recollective Experience and Memory for Contextual Information. Cognition 106 (1):538-547.
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   6 citations  
  6.  6
    David Beronio & Clemente Tafuri (2016). Morte di Zarathustra. Nóema 7.
    Il lavoro artistico spesso nasce accanto ad una riflessione, l’approfondimento e lo studio dei temi che sono posti a fondamento dell’arte che si sta utilizzando diventano essi stessi materia di un lavoro parallelo a quello creativo che si sta conducendo.È quanto accade con Morte di Zarathustra che è il titolo di uno spettacolo della Compagnia Tetro Akropolis ma anche il titolo di un libro che racconta i temi sui quali lo spettacolo è condotto. Tali temi sono i temi dell’origine (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  7. Ran R. Hassin, Henk Aarts, Baruch Eitam, Ruud Custers & Tali Kleiman (2009). Non-Conscious Goal Pursuit and the Effortful Control of Behavior. In Ezequiel Morsella, John A. Bargh & Peter M. Gollwitzer (eds.), Oxford Handbook of Human Action. Oxford University Press
  8.  6
    Tali Sharot & Neil Garrett (2016). Forming Beliefs: Why Valence Matters. Trends in Cognitive Sciences 20 (1):25-33.
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  9.  55
    Marco Solinas (2014). Sui paradossi della critica esterna. Marcuse, i bisogni indotti e i desideri di massa. Consecutio Temporum (6):1-16.
    The paper presents a critique of Marcuse’s theory of “false needs”. It aims to clear the theoretical ground necessary to sketch out an immanent critique of the socio-economical dynamics that dictate the exhausting, and oft endless postponement of the satisfaction of a multiplicity of mass needs and desires. The paper focuses its attention on some paradoxes produced by Marcuse’s theory, correlated in particular with the critique of the wellbeing of the masses, and with the manipulative superpower ascribed to ideology. These (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  10.  3
    David Beronio (2016). Il Gioco. Nóema 7.
    Chi si occupa di teatro incontra il gioco innanzitutto come una categoria estetica insita nei processi che caratterizzano l’atto teatrale. Ma dall’approfondimento di tali meccanismi emerge anche la potenzialità conoscitiva del gioco, come condizione umana di profonda consapevolezza di sé. Attraverso un percorso che passa attraverso Breton, Platone, Huizinga, e Alessandro Fersen, viene qui proposta una lettura del gioco come carattere fondamentale dell’arte e della conoscenza.
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  11. Carlo Cellucci (2002). L'illusione di Una Filosofia Specializzata [The Illusion of a Specialized P Hilosophy]. In Marcello D'Agostino, Giulio Giorello & Salvatore Veca (eds.), Logica e politica. Per Marco Mondadori. Mondadori
    Secondo un recente bilancio della filosofia del Novecento di Rossi e Viano, nel nostro secolo «il successo maggiore è toccato alle dottrine filosofiche che si sono proposte di offrire alternative alla conoscenza tecnico-scientifica e che sostengono la possibilità di alleggerire i vincoli che il sapere positivo porrebbe al modo di pensare e ai progetti di azione»2. Tali dottrine prospettano un ritorno all’antica metafisica, a cui «si ricorre non come a una forma di sapere sistematico, bensì come alla testimonianza di (...)
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  12.  6
    Nazzareno Fioraso (2014). A Suitcase Falling Overboard: Jaume Serra Hunter and the "Barcelona School". Trans/Form/Ação 37 (3):159-178.
    Nella storiografia filosofica spagnola non esiste, probabilmente, una definizione ambigua e problematica come quella che riguarda la cosiddetta "Scuola di Barcellona". La tesi principale di questo articolo è che tale scuola non giunse mai a nascere, ma ne esistette soltanto una forma embrionale che non poté maturare perché, in conseguenza della situazione politica venutasi a creare con la guerra civile , i suoi componenti si dispersero nell'esilio. Ciò nonostante, è possibile riconoscere alcuni tratti comuni, seppur labili e non sostanziali, nella (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  13.  12
    Shai Gabay, Tali Leibovich, Avishai Henik & Nurit Gronau (2013). Size Before Numbers: Conceptual Size Primes Numerical Value. Cognition 129 (1):18-23.
    Direct download (4 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  14.  32
    Tali Bitan & James R. Booth (2012). Offline Improvement in Learning to Read a Novel Orthography Depends on Direct Letter Instruction. Cognitive Science 36 (5):896-918.
    Improvement in performance after the end of the training session, termed “Offline improvement,” has been shown in procedural learning tasks. We examined whether Offline improvement in learning a novel orthography depends on the type of reading instruction. Forty-eight adults received multisession training in reading nonsense words, written in an artificial script. Participants were trained in one of three conditions: alphabetical words preceded by direct letter instruction (Letter-Alph); alphabetical words with whole-word instruction (Word-Alph); and nonalphabetical (arbitrary) words with whole-word instruction (Word-Arb). (...)
    Direct download (10 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  15.  3
    Tali Heiman & Dafna Kariv (2004). Coping Experience Among Students in Higher Education. Educational Studies 30 (4):441-455.
    The study examines the coping strategies among 130 undergraduate college and university students with learning disabilities and 146 students without learning disabilities . Students completed self‐reported instruments designed to measure stress, support and strategies. The findings revealed that students without LD reported higher work stress, higher combined stress and more social support than did students with LD. Students without LD were more task orientated and perceived more support than students with LD, while students with LD used more emotional coping strategies (...)
    Direct download (3 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography   1 citation  
  16.  3
    Carlo Sini (2015). La materia del soggetto. Nóema 6.
    Già alle origini del pensiero occidentale la questione della materia del soggetto è tema problematico e controverso: Platone e Aristotele ne tracciarono i confini essenziali. Democrito, Epicuro e gli Stoici ne segnarono una specie di controcanto. Con la scienza moderna da un lato e lo storicismo hegelo-marxista dall’altro si aggiunsero al tema nuovi orizzonti e nuovi confini, nuove maniere di considerare il soggetto e di teorizzare la materia. Oggi sembra necessaria una reimpostazione inedita dell’intera questione relativa alla materia della soggettività: (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  17.  8
    Yael Bamberger & Tali Tal (2007). Learning in a Personal Context: Levels of Choice in a Free Choice Learning Environment in Science and Natural History Museums. Science Education 91 (1):75-95.
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  18.  2
    Tali Kleiman, Noa Sher, Andrey Elster & Ruth Mayo (2015). Accessibility is a Matter of Trust: Dispositional and Contextual Distrust Blocks Accessibility Effects. Cognition 142:333-344.
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  19.  9
    Richard C. Taylor (1998). Personal Immortality in Averroes' Mature Philosophical Psychology. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 9:87-110.
    L'A. esamina in particolare il Commento grande al De anima. In primo luogo evidenzia l'insegnamento averroista in relazione al tema dell'intelletto e dell'individuo, in secondo luogo esamina alcune proposizioni relative all'immortalità dell'anima individuale, ma sottolinea la difficoltà di conciliare tali affermazioni di Averroè con la dottrina dell'intelletto. L'ultima parte dello studio propone un esame critico del recente studio di O.N. Mohammed, Averroes, Aristotle, and the Qur'an on Immortality «International Philosophical Quarterly» 33 37-55.
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  20.  11
    Josep Maria Bech (2012). Penser le visuel, visualiser la pensée. Modèle perceptif et politique de la vision. Chiasmi International 14:295-321.
    Thinking the Visual, Visualizing the Thought.A perceptual and Political Model of VisionMerleau-Ponty’s program of perceptivizing thought has depoliticizing effects that, though he does not recognize them, undermine his understanding of politics. These anti-political consequences, moreover, bring out the internal difficulties of his anti-intellectualist starting point. There are three areas in which Merleau-Ponty gave a thorough application, though with unequal success, of his perception-based model: the presentation of his own thought, in which his program of picturalization had a striking success; the (...)
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  21.  11
    Mariana Larison (2012). L'Imaginaire du politique. Réflexions sur la lecture merleau-pontienne de Machiavel. Chiasmi International 14:323-336.
    The Political Imaginary.Reflections on Merleau-Ponty’s reading of MachiavelliThis essay attempts to set in relief an aspect of Merleau-Ponty’s political thought that has still received little study: his conception of the political imaginary. This fertile aspect of his political thought appears explicitly in his reading of Machiavelli as it is developed in “Note on Machiavelli”, which appeared for the first time in 1949. In this note, Merleau-Ponty treats the specific problem of power. In trying to characterize this, Merleau-Ponty comes to discover (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  22.  8
    Annabelle Dufourcq (2012). Nietzsche et Merleau-Ponty. Chiasmi International 13:517-554.
    Nietzsche and Merleau-PontyDepth of Images and the Thought of the Eternal ReturnHere, we analyze the reasons for which it is possible to establish a connection between Nietzsche and Merleau-Ponty – a connection claimed by Merleau-Ponty – based on a “metaphysics” of the Dionysian and the Apollonian. All existence rests upon a cruel and violent depth; and the surface of the “real,” individualities and distinct ideas, is in fact solely constituted by Apollonian images. We show how Nietzsche and Merleau-Ponty surmount the (...)
    Translate
      Direct download (6 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  23.  3
    Luca Vanzago (2010). The Many Faces of Movement (English). Chiasmi International 12:111-127.
    Les divers visages du mouvement. Questions phénoménologiques et ontologiques sur le rapport entre la perception, l’expression et le mouvement dans le cours de Merleau-PontyLe monde sensible et le monde de l’expressionLe cours professé par Merleau-Ponty dans l’année 1952-53 est encore inédit, mais grâce au travail de Emmanuel de Saint Aubert et Stefan Kristensen il est possible de le lire en transcription en vue de sa publication. Ce cours, inaugurant les leçons au Collège de France, contient des analyses détaillées concernant la (...)
    No categories
    Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  24.  12
    Carlo Penco (2002). Olismo E Molecolarismo. In Massimo Dell'Utri (ed.), Olismo.
    In questo saggio non sviluppo una tesi precisa, ma presento alcune osservazioni sull'olismo e molecolarismo che tentano di mostrare la praticabilita' del molecolarismo e vederne allo stesso tempo le difficoltà: (i) Mi interrogo sulla fortuna del dibattito sull'olismo degli ultimi anni, come ripresa e precisazione delle osservazioni fatte a suo tempo da Dummett nel suo libro su Frege. (ii) Richiamo alcune idee fregeane a proposito di linguaggi formali che definiscono una specie di olismo innocuo, e al contempo impongono una distinzione (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  25.  6
    Micol Long (2012). L'autografia d'autore Cambiamenti nella realizzazione e nella concezione del libro dal XII secolo all'invenzione della stampa. Doctor Virtualis 11 (11):97-119.
    Si ritiene a volte che l'invenzione della stampa abbia innescato il cambiamento nel modo di concepire l'oggetto libro, segnando il passaggio dall'idea medievale a quella moderna. Occorre però tenere presente che esiste un'importante evoluzione interna al medioevo e che l'invenzione della stampa, per quanto fondamentale, è da inserire all'interno di questo processo più ampio, che a partire dal XII secolo circa trasforma l'uso e la funzione stessa della scrittura, rivoluziona il modo di leggere e di conseguenza il libro stesso, sia (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  26.  2
    Cecilia Panti (2011). I concetti di" materia"," forma" e" ordine" nel pensiero teorico musicale medievale e contemporaneo. Doctor Virtualis 10:125-155.
    La dimensione teorica della musica occidentale, nella sua evoluzione storica, ha inevitabilmente fatto uso di concetti essenziali alla definizione di come il suono è musicalmente organizzato o organizzabile. Fra questi, risultano imprescindibili le nozioni di materia, forma e ordine, che implicano rispettivamente, nei pur diversi ambiti linguistici e contesti storico-filosofici di riferimento, ciò di cui è fatta la musica, ciò a cui la materia sonora tende, e come tale tensione è realizzata. Scopo di questo contributo è una valutazione d’insieme sulla (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  27.  5
    Giovanni Gasparini (forthcoming). Tempi e ritmi nella società del Duemila. Rhuthmos.
    Ce texte est le chapitre II de l'ouvrage de G. Gasparini, Tempi e ritmi nella società del Duemila, FrancoAngeli, Milano, 2009. Nous remercions Giovanni Gasparini et les éditions FrancoAngeli de nous avoir autorisé à le reproduire ici. La cultura temporale La velocità è uno dei tratti-chiave e degli aspetti più caratteristici e pervasivi delle società industrializzate. In qualunque modo si vogliano definire tali società, la velocità di svolgimento raggiunta nelle operazioni, negli spostamenti e (...) - Sociologie – Nouvel article.
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  28.  3
    Danilo Saretta Verissimo (2012). Position et critique de la fonction symbolique dans les premiers travaux de Merleau-Ponty. Chiasmi International 13:459-479.
    Position and Criticism of the Symbolic Functionin the First Works of Merleau-PontyIn this article, we propose to address the question of the symbolic function in Merleau-Ponty’s first works. More specifically, we shall be interested in the place thathe grants to this question in The Structure of Behavior, and to the way he critically takes it up in the Phenomenology of Perception. Although Merleau-Ponty hardly clarifies this himself, Merleau-Ponty’s commentators also have rarely made this problematic an object of debate. In his (...)
    Translate
      Direct download (6 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  29.  3
    Eloise Cj Carr, Kathleen Theresa Galvin & Les Todres (2010). Facilitating Nourished Scholarship Through Cohort Supervision in a Professional Doctorate Programme. Encyclopaideia: Journal of Phenomenology and Education 27.
    Nel corso degli ultimi 20 anni c’è stata una espansione globale in materia di istruzione dottorale e in particolare di ‘dottorati professionali’. Difficoltà nell’avanzamento e nel completamento diventano sempre più il centro dell’attenzione per tutti i tipi di dottorato. È stato riconosciuto che una serie di fattori al di là di quelli prettamente demografici potrebbe influire sulla possibilità di completare gli studi. C’è ancora molto da imparare sul motivo per cui l’avanzamento e il completamento del dottorato sono così impegnativi. In (...)
    No categories
    Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  30. Deborah L. Black (1997). Avicenna on the Ontological and Epistemic Status of Fictional Beings. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 8:425-453.
    L'A. presenta un'analisi della Lettera sull'anima, in cui Avicenna affronta il tema delle idee di esseri fittizi, come la fenice, ed in particolare la permanenza di tali idee nell'anima dopo la sua separazione dal corpo. Nella parte centrale dello studio l'A. esamina il rapporto fra la risposta avicenniana al problema ed alcuni elementi dottrinali caratterizzanti il pensiero del filosofo: il tema degli universali, della quidditas, o natura comune, e la distinzione fra essenza ed esistenza.
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  31.  2
    Riccardo Strobino (2008). Pono tibi istam:“Tu curris”. Uno sguardo alla teoria medievale delle obbligazioni. Doctor Virtualis 8:139-161.
    La teoria delle obbligazioni rappresenta un significativo esempio di come un insieme di tecniche logiche possa essere applicato, in maniera feconda, a contesti disputazionali in cui la dimensione dialogica e l’interazione tra soggetti coinvolti in un confronto dialettico hanno un ruolo di primo piano.L’attenzione che numerosi studiosi hanno manifestato nei confronti di questa parte della logica modernorum negli ultimi quarat’anni testimonia la profondità e la difficoltà dei problemi teorici che stanno alla base della teoria.Molte interpretazioni sono state avanzate circa le (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  32. Alberto Voltolini (1996). From Hegel to Kaplan. In C. Penco & G. Sarbia (eds.), Alle radici della filosofia analitica. ERGA 825-850.
    Da Hegel fino a Bradley, l'attacco idealista ad una concezione pluralistica della realtà come una credenza non suffragata dalla verità delle cose si è valso dell'argomento semantico secondo il quale le espressioni indicali, su cui da ultimo riposerebbe tutta la valenza referenziale del linguaggio, non si riferiscono a segmenti discreti del reale ma si limitano ad esprimere universali. Dal versante ontologico opposto, Russell ha guidato la reazione all'idealismo assoluto (inaugurando così uno dei filoni di riflessione della filosofia analitica) facendo perno (...)
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  33. Dimitri Gutas & H. H. Biesterfeldt (1999). The «Alexandria to Baghdad» Complex of Narratives. A Contribution to the Study of Philosophical and Medical Historiography Among the Arabs. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 10:155-193.
    L'A. mette in parallelo quattro fonti interrelate della tradizione narrativa relativa al passaggio delle conoscenze filosofiche e mediche da Alessandria a Baghdad. I testi esaminati, presentati in traduzione inglese, sono di Alfarabi , dello storico al-Masudi , del medico ibn-Ridwan del Cairo e del medico ibn-Gumay . Le origini della tradizione testuale sono individuate in un canone di insegnamenti ippocratici e galenici originatosi ad Alessandria poco prima della conquista araba, e comprendente i cosiddetti Summaria alexandrinorum. L'A. si sofferma inoltre sulla (...)
    No categories
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  34.  1
    Ilaria Prosperi (2008). Alimentarsi di false credenze Agostino e la critica dei precetti alimentari manichei. Doctor Virtualis 8:7-55.
    Nonostante non tutti gli studiosi concordino sul valore e sulla validità della testimonianza di Agostino, non si può oggi mettere in dubbio che questi ebbe una conoscenza molto precisa non solo della dottrina manichea, ma anche delle pratiche rituali in uso nelle comunità delle sette, e in modo particolare di quelle che si imponevano agli Uditori. Del resto, egli stesso non manca di definirsi esperto dell’affare manicheo al fine di affermare l’autorità del suo modo di procedere nella polemica.Certo non si (...)
    No categories
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  35.  1
    Elena Cartotto (2008). La figura di Maria Maddalena nella tradizione agostiniana del XII secolo e l'allegoria nuziale in Bernardo di Clairvaux Un'ipotesi di interpretazione alla luce di categorie di ordine psicoanalitico. Doctor Virtualis 1:125-146.
    Nella tradizione agostiniana del XII secolo compaiono temi e linguaggi che suggeriscono la presenza, accanto al discorso teologico, di un discorso dell'uomo sull'uomo. Si analizza la figura di Maria Maddalena in alcuni autori del XII secolo e l'allegoria nuziale nei Sermones super Cantica di Bernardo di Clairvaux. La lettura viene condotta sulla base di categorie concettuali di carattere psicoanalitico, in quanto tali categorie trovano la propria origine, prima ancora che nel pensiero, nella più concreta e profonda esperienza umana. Ed (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  36. Etienne Balibar (2011). Lo schema genealogico: razza o cultura? [The genealogical scheme: race or culture?]. la Società Degli Individui 41.
    Il saggio affronta la relazione tra nazionalismo e razzismo ruotando attorno alle nozioni di etnicità fittizia e di schema genealogico, rinvianti all’idea che la nazione debba trovare un meccanismo, istituzionale e immaginario, per trasferire e riprodurre al livello politico la funzione simbolica che lega il susseguirsi delle generazioni sotto il segno del ‘retaggio culturale’ e della ‘identità ereditaria’. Da un’analisi attenta risulta come tali nozioni siano il residuo dell’idea di ‘razza’ dopo che la sua applicazione alla violenta discriminazione dei (...)
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  37. Andrea Borghini (2006). Quale utopia? Il controverso contributo di Karl Popper [What utopia? The discussed contribution of Karl Popper]. la Società Degli Individui 27:83-96.
    Il saggio tratta della critica di Popper al concetto di utopia e dei limiti di tale critica. Le opere politiche del filosofo viennese rivelano come l’utopia costituisca una pericolosa modalità di ritorno a forme di società chiusa e di totalitarismo. Sennonché non è chiaro quale utopia venga criticata da Popper, l’utopia dei grandi movimenti totalitari del Novecento, oppure ogni forma di costruzione ideale di una società diversa e migliore. Il non aver chiarito a sufficienza tali aspetti indebolisce la portata (...)
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  38.  2
    Martin Buber & Francesco Ferrari (2015). Umanesimo Ebraico. Il Melangolo.
    «All’interno di un genere umano ancora proteiforme e in divenire, sempre più persone percepiscono che cosa si stia preparando; la loro percezione cresce di giorno in giorno, e la conoscenza della crisi richiama in loro la sola controforza che può riuscire a elevare essi stessi a “signori” attraverso nuove mete, mete grandi e chiare, imponendosi su tali sediziosi mezzi. Questa controforza è quella che io chiamo il nuovo Umanesimo della fede ».
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  39. F. Cooren & N. Bencherki (2010). How Things Do Things with Words: Ventriloquism, Passion and Technology. Encyclopaideia 14 (28):35-62.
    È possibile rendere compiutamente conto di ciò che gli artefatti e le tecnologie fanno, senza per questo sminuire il ruolo dell’agentività umana, ossia la capacità dell’essere umano di essere all’origine dell’azione e del senso?Per quanto determinismo tecnologico e sociocostruzionismo siano ormai approcci sufficientemente integrati, sembra quasi impossibile poter riconoscere l’uno senza pagare nulla di più che un piccolo contributo all’altro.Gli autori sottolineano quanto questa cesura che apparentemente riguarda un fenomeno circoscritto e settoriale come il ruolo degli artefatti nella costruzione del (...)
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  40.  1
    Luca Corchia (2010). La logica dei processi culturali. Jürgen Habermas tra filosofia e sociologia. Ecig.
    Al centro della riflessione della filosofia e delle scienze sociali, il concetto di cultura ha assunto uno spettro di significati difficilmente riassumibile in una definizione che non sia multidimensionale. Numerose sono le province di significato in cui tale concetto ricorre riflessivamente portando in primo piano ordini di realtà e punti di vista analitici differenziati. Oltre all’identità multiforme le analisi della cultura presentano sul piano storico un contesto di genesi prettamente moderno la cui rilevanza è crescente. Accanto alla coltivazione dello “spirito”, (...)
    Translate
      Direct download  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  41. Riccardo Fedriga, Claudia Macerola & Federico Minzoni (2010). Duns Scoto Magister e Teologo. Doctor Virtualis 9:85-143.
    L'articolo prende in considerazione il possibile dialogo tra i nostri modelli di razionalità e quelli di autori medievali del tardo XIII secolo circa il concetto di laicità. Non si può certo parlare di laicità nel senso contemporaneo del termine, ma un tema interessante - senza alcuna pretesa di riferirsi a impossibili precorrimenti - può essere il concetto, individuabile in alcuni autori del tardo XIII e degli inizi del XIV secolo, della possibile coesistenza di differenti tradizioni filosofiche e teologiche, con l'implicita (...)
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  42. Sigrid Müller (2006). Wiener Ethikkommentare des 15. Jahrhunderts. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 17:445-467.
    Dopo aver brevemente spiegato le modalità dell'insegnamento dell'Etica a Nicomaco nella Vienna del XV secolo, l'A. si sofferma ad indagare l'influsso esercitato dal commento di Buridano sulla produzione di commenti che fiorì in quel contesto. La maggior parte di tali commenti prodotti nei primi decenni del sec. XV seguivano infatti lo schema delle sue quaestiones: i commenti secundum Buridanum. Nella seconda metà del secolo furono i commenti di Corrado de Susato e le Quaestiones di Johannes Versor a rappresentare un (...)
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  43. R. Hassin Ran, Baruch Eitam Henk Aarts & Tali Kleiman Ruud Custers (2009). Non-Conscious Goal Pursuit and the Effortful Control of Behavior. In Ezequiel Morsella, John A. Bargh & Peter M. Gollwitzer (eds.), Oxford Handbook of Human Action. Oxford University Press
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  44. Letizia Riccardi (2010). Un'eco d'Oriente. Sekherezada di Rimskij-Korsakov. Doctor Virtualis 9:1-22.
    Oggi come in passato l'Oriente è vittima di stereotipi derivati dalla tradizione orientalistica ottocentesca che ha contribuito a plasmare una miriade di cliché esotici dai quali fatichiamo a renderci indipendenti. In questo intervento si cerca di segnalare, e in parte demitizzare, alcuni di tali luoghi comuni, con particolare riferimento al contesto musicale russo di fine Ottocento. Nel quadro dell'immaginario dell'Oriente che si sviluppa nella cultura russa si colloca la suite sinfonica Sekherezada op. 35 di Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov: temi popolari (...)
    No categories
    Translate
      Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  45.  78
    Marco Solinas (2008). Psiche: Platone e Freud. Desiderio, Sogno, Mania, Eros. Firenze University Press.
    Psiche sets up a close-knit comparison between the psychology of Plato's Republic and Freud's psychoanalysis. Convergences and divergences are discussed in relation both to the Platonic conception of the oneiric emergence of repressed desires that prefigures the main path of Freud's subconscious, to the analysis of the psychopathologies related to these theoretical formulations and to the two diagnostic and therapeutic approaches adopted. Another crucial theme is the Platonic eros - the examination of which is also extended to (...)
    Translate
      Direct download (5 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  46. C. Trifogli (1998). Le questioni sul libro IV della Fisica in alcuni commenti inglesi intorno alla metà del sec. XIII. Parte II. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 9:179-260.
    La prima parte dello studio è stata pubblicata nella stessa rivista 7 39-114, cfr. MEL XVIII 3955. I temi trattati sono il luogo, il tempo e lo spazio. L'A. esamina i fondamenti dottrinali delle posizioni sostenute dai commentatori su tali questioni e nella conclusione ribadisce le principali caratteristiche esegetico-dottrinali individuate nei commenti esaminati: 1) realismo ontologico, in particolare in relazione al rapporto tempo-anima; 2) atteggiamento critico nei confronti di Averroè; 3) alcune particolarità dottrinali, come la dottrina del luogo profundans.
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  47. Cecilia Trifogli (1993). Le questioni sul libro III della «Fisica» in alcuni commenti inglesi intorno alla metà del sec. XIII II L'Infinito. Documenti E Studi Sulla Tradizione Filosofica Medievale 4:135-178.
    La prima parte dell'articolo è stata pubblicata nella stessa rivista 2 443-501, cfr. MEL XIV 3554. La classificazione e l'ordinamento delle argomentazioni e delle soluzioni presenti nei commenti esaminati si fondano sulla distinzione di due concetti di infinito: l'infinito nel continuo e l'infinito nel numero. Segue un'analisi del problema relativo al confronto degli infiniti, un tema presente in molti dei commenti presi in esame. In Appendice viene fornito un elenco delle questioni relative a Fisica III, 4-8, ordinate, per temi dottrinali (...)
    No categories
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography