Year:

  1. Dalla neuroeconomia alla neuroetica: verso una neuroscienza delle decisioni individuali e socio-morali.Maria Arioli & Nicola Canessa - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):134-150.
    Riassunto: Neuroeconomia e neuroetica sono settori delle neuroscienze cognitive che studiano i correlati neurali di aspetti distinti, sebbene strettamente interconnessi, del processo decisionale. Mentre la neuroeconomia studia i meccanismi cerebrali che guidano verso la massimizzazione dell’utilità economica personale, la neuroetica integra tali conoscenze con quelle fornite dalle neuroscienze sociali per affrontare domande tipiche dell'etica e della filosofia morale. Gli studi oggi disponibili in questo ambito vengono qui discussi al fine di mettere a confronto l’ipotesi secondo cui le scelte economiche individuali (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  2. Recensione di T. Nagel, Mente e cosmo. Perché la concezione neodarwiniana della natura è quasi certamente falsa.Giovanni Coppolino Billè - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):209-211.
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  3. Recensione di P. Strata, La strana coppia. Il rapporto mente-cervello da Cartesio alle neuroscienze.Alberto Giovanni Biuso - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):207-208.
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  4. Generi psichiatrici come HPC: un nuovo approccio al dibattito discreto/continuo in psichiatria.Marco Casali - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):151-178.
    Riassunto: Questo lavoro cerca di mostrare come i disordini psichiatrici non possano essere inquadrati in chiave essenzialista, cioè non possano essere individuati attraverso proprietà necessarie e sufficienti. Preliminarmente introdurremo un modello chiamato Homestatic Property Cluster, che risulterà strumentale per comprendere, in prima istanza, la natura continua o discreta delle entità “disordini psichiatrici”. Sosterremo che i disordini mentali sono entità discrete. In seguito, per quanto riguarda la nostra critica all’essenzialismo, analizzeremo il disease model, ponendo l’attenzione soprattutto sui suoi limiti, cercando di (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  5. Per una revisione della teoria della pedagogia naturale.Emiliano Loria - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):179-192.
    Riassunto: Con pedagogia naturale si intende un sistema di apprendimento sociale basato sulla comunicazione ostensiva e finalizzato alla trasmissione di conoscenze tra adulti e bambini. Secondo la teoria della pedagogia naturale i bambini sono in grado di riconoscere l’intenzione comunicativa dell’adulto, quando quest’ultimo si indirizza specificatamente a loro tramite segnali ostensivi. La teoria prevede inoltre che i bambini, molto precocemente, attribuiscano ad altri membri della comunità non presenti nel puntuale contesto di apprendimento i contenuti informativi acquisiti pedagogicamente. Sebbene Csibra e (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  6.  1
    Per una revisione della pedagogia naturale.Emiliano Loria - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):179-192.
    Natural Pedagogy refers to social learning based on ostensive communication between adults and infants which results in rapid and efficient transmission of cultural information. The theory predicts that children are able to recognize communicative intention when adults address them using ostensive signals. Furthermore, natural pedagogy predicts that infants ascribe the knowledge they have acquired to others according to what is called the “assumption of universality”. In other words, infants are able to ascribe informative contents to others even when they are (...)
    Direct download (3 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  7.  2
    The Peculiarity of Emotional Words: A Grounded Approach.Claudia Mazzuca, Laura Barca & Anna Maria Borghi - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):124-133.
    : This work focuses on emotional concepts. We define concepts as patterns of neural activation that re-enact a given external or internal experience, for example the interoceptive experience related to fear. Concepts are mediated and expressed through words. In the following, we will use “words” to refer to word meanings, assuming that words mediate underlying concepts. Since emotional concepts and the words that mediate them are less related to the physical environment than concrete ones, at first sight they might be (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  8.  1
    Reflections on Quasi-Indexicals, Self-Consciousness and Self-Knowledge.Giuseppe Mario Antonio Varnier - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (2):193-206.
    : Building on recent linguistic and philosophical research on quasi-indexicals, self-consciousness, anaphora, and discours indirect libre, I argue that they raise problems for the definition of self-knowledge understood according to the Classical Definition of Knowledge. I call this extremely difficult problem the “non-detachment problem”. I show that, for this reason, self-knowledge must always be considered perspectival and non-third-personal, in the relevant cases. I also discuss and criticize the Lewis-Chierchia interpretation of de se attitudes. Furthermore, I discuss the role of the (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  9.  2
    Recensione di F. Menga, Lo scandalo del futuro. Per una giustizia intergenerazionale.Pierfrancesco Biasetti - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):121-123.
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  10.  1
    Recensione di G. Colombetti, The Feeling Body. Affective Science Meets the Enactive Mind.Gherri Andrea - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):118-120.
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  11.  3
    Descartes’ Emotions: From the Body to the Body.Paola Giacomoni - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):14-29.
    : Emotions are currently at the center of a lively international and interdisciplinary debate. The first sections of this essay present a synthetic overview of its key features. The main sections provide a re-examination of one of the most historically significant developments in the field of affective studies. René Descartes’ approach to the study of emotions implies a positive assessment of the role of the body and a remarkable attenuation of his classical dualism that allows an innovative perspective on the (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  12.  2
    La Theorie des Gefühls hegeliana in dialogo con le recenti teorie sulle emozioni.Caterina Maurer - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):30-46.
    Riassunto: Questo contributo si propone di instaurare un proficuo dialogo tra la Philosophie des subjektiven Geistes hegeliana e i principali studi neuroscientifici e psicologici sulle emozioni. Ciò alla luce del fatto che caratteristica dell’attuale dibattito sulle emozioni è proprio l’interazione tra neuroscienze, psicologia e filosofia. Dopo aver mostrato come Hegel abbia elaborato una Theorie des Gefühls, mediante un’analisi del ruolo di Empfindungen e Gefühle nella Enzyklopädie der philosophischen Wissenschaften, emergerà come il dialogo tra il pensiero hegeliano e le prospettive contemporanee (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  13.  1
    Building Up Hypotheses in Clinical Psychology and Neuroscience: Similarities and Differences.Sofia Adelaide Osimo & Raffaella Ida Rumiati - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):110-117.
    : Hypotheses are the first step in scientific and clinical enquiry. They guide all of the subsequent steps in an investigation, and influence data collection, analysis, and interpretation. But how do we build scientific and clinical hypotheses? In both research and clinical contexts, a professional’s idiosyncratic way of perceiving reality, her prejudices and biases will influence the process of hypothesis formulation. We compare the process of formulating a scientific hypothesis in the field of neuroscience with the process of building a (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  14.  4
    Solo lacrime di coccodrillo per la morte di Han Solo? Vere emozioni per oggetti di finzione.Oscar Salvatore Scarpello - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):61-79.
    Riassunto: In questo lavoro mi propongo di mostrare che emozioni reali potrebbero essere causate da oggetti fittizi, offrendo una soluzione per il cosiddetto “paradosso della finzione” e incentrando la mia tesi su una critica alla soluzione finzionalista del problema del “make-believe” di Kendall Walton. A mio parere la validità della distinzione tra emozioni e “quasi-emozioni” deve essere respinta, ammettendo che un oggetto immaginario può suscitare reazioni emotive, anche se l’osservatore non è presente nella scena ed è anche consapevole della non-esistenza (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  15.  5
    On The Adequacy of Emotions and Existential Feelings.Stephan Achim - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):1-13.
    : In the analytic tradition of the philosophy of emotions the folk notion of adequacy is understood with regard to – at least four – different questions, viz. a moral question, a prudential question, an epistemic question, and a fittingness question. Usually, the fittingness question is treated as being the central one. I have some doubts concerning this assessment, particularly when it comes to substantial – interpersonal or cultural – controversies about whether a specific emotional response is adequate or whether (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  16.  1
    La regolazione dinamica dei processi affettivi attraverso la mediazione semiotica.Jaan Valsiner & Raffaele De Luca Picione - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):80-109.
    Riassunto: Presentiamo una prospettiva semiotica e dinamica per indagare e discutere dal punto di vista psicologico i fenomeni della regolazione affettiva attraverso la mediazione e l’articolazione dei segni. Al fine di evitare uno sguardo semplicistico, lineare e riduttivo, i fenomeni affettivi sono presentati come campi quasi strutturati, i quali vengono a differenziarsi attraverso mediatori semiotici. La loro funzione è quella di orientare le persone attraverso l’anticipazione dell’immediato futuro. La regolazione semiotica conduce alla costruzione di gerarchie – temporanee – ovvero strutture (...)
    No categories
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
  17.  3
    Stimmung e trascendenza. Il ruolo del pathos in Martin Heidegger.Elisa Zocchi - 2017 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 8 (1):47-60.
    This paper aims to investigate the significance of mood for a philosophical approach to emotion. Are moods problematic because they constrain us in an affective cage? Or do they rather give us access to the world? The starting point for this investigation is the work of Martin Heidegger: I analyze what he defines as vorweltlich arguing that this term refers to the emotional dimension of human existence, in particular, to mood, or, in Heideggerian terms, Stimmung. Human existence is not just (...)
    Direct download (2 more)  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    My bibliography  
 Previous issues
  
Next issues