Authors
Sandro Nannini
Università degli Studi di Siena
Abstract
L’argomento proposto da Haselager, Broens e Quilici Gonzalez in The Importance of Sensing One’s Movements in the World for the Sense of Personal Identity consta di tre tesi fondamentali, che possono essere così riassunte: al cuore dell’autocoscienza umana sta il linguaggio o il pensiero, ma il senso del corpo; la dicotomia tradizionale tra sensi esterni e sensi interni è falsa; non c’è un primato del cervello sul resto del corpo in rapporto al senso di identità che ogni essere umano possiede. Il presente studio si propone di mostrare che, mentre la tesi è perfettamente convincente, le tesi e devono essere parzialmente rivisitate, poiché troppo compromesse con un tipo di anti-rappresentazionalismo à la Brook. Difatti, molti risultati sperimentali mostrano, diversamente da quanto sostenuto in, che anche a livello puramente percettivo il cervello distingue tra sé e mondo esterno. Esistono inoltre esperimenti che confermano l’“importanza”del corpo per la cognizione e l’interazione costante tra corpo e cervello anche per quel che concerne l’esecuzione di compiti cognitivi, questi stessi esperimenti mostrano al contempo, diversamente da quanto sostenuto in, che l’influenza del movimento corporeo sulle aree associative della corteccia non è direttamente dovuta agli schemi motori che dirigono il movimento corporeo ma a rappresentazioni cerebrali di “alto livello” delle azioni, ognuna delle quali può essere eseguita da schemi motori differenti.
Keywords Movimento   Antirappresentazionalismo   Identità   Senso corporeo   Schema motorio
Categories No categories specified
(categorize this paper)
ISBN(s)
DOI 10.4453/rifp.2012.0002
Options
Edit this record
Mark as duplicate
Export citation
Find it on Scholar
Request removal from index
Translate to english
Revision history

Download options

PhilArchive copy


Upload a copy of this paper     Check publisher's policy     Papers currently archived: 64,178
External links

Setup an account with your affiliations in order to access resources via your University's proxy server
Configure custom proxy (use this if your affiliation does not provide a proxy)
Through your library

References found in this work BETA

No references found.

Add more references

Citations of this work BETA

No citations found.

Add more citations

Similar books and articles

La natura del soggetto. Riflessioni sul pensiero di Theodor W. Adorno.Lothar Knatz - 2011 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 2 (1):4-17.
Identità, alterità, narrazione. Un approccio psicodinamico.Gian Luca Barbieri - 2015 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 6 (2):371-378.
Experiences Are Objects. Towards a Mind-Object Identity Theory.Riccardo Manzotti - 2016 - Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia 7 (1):16-36.
Identità: logica e ontologia.Cesare Cozzo - 1997 - Almanacchi Nuovi 96 (2):33-79.
The Chirality of Being: Exploring a Merleau-Ponteian Ontology of Sense.David Morris - 2011 - Chiasmi International: Trilingual Studies Concerning Merleau-Ponty’s Thought 12:165-182.
La cognizione del gusto // The cognition of taste.Rosalia Cavalieri - 2014 - Conjectura: Filosofia E Educação 19 (2):27-39.

Analytics

Added to PP index
2019-04-06

Total views
4 ( #1,251,540 of 2,454,995 )

Recent downloads (6 months)
1 ( #449,233 of 2,454,995 )

How can I increase my downloads?

Downloads

My notes